Recoba in prestito al Torino

Il "Chino" dopo dieci anni lascia la maglia nerazzurra e si trasferisce, in prestito, con i granata

Milano - Finito il tormentone Recoba, il secondo in casa nerazzurra, dopo quello di Adriano. Il "Chino" dopo dieci anni lascia la maglia nerazzurra e si trasferisce, in prestito, al Torino. "Sono stati firmati questa mattina - annuncia il sito dell’Inter -, nella sede di Palazzo Durini, alla presenza del vicepresidente Rinaldo Ghelfi e del dt Marco Branca per l'Inter, del presidente Urbano Cairo e dell’amministratore delegato Stefano Antonelli per il Torino, i documenti per il trasferimento di Alvaro Recoba al club granata con la formula del prestito. All’incontro era presente anche il calciatore". "Ad Alvaro Recoba - si legge sul sito nerazzurro - un sincero in bocca al lupo da tutta l’Inter". L’uruguaiano lascia i nerazzurri dopo 261 presenze in campo e 72 reti segnate. Ma il suo è un addio o solo un arrivederci? Conoscendo l'amore che il presidente Moratti nutre per il suo "Chino", è più probabile la seconda ipotesi. Resta da vedere, però, la stagione che Recoba sarà in grado di fare a Torino.

"Contento per la nuova avventura" Recoba ha lasciato la sede dell’Inter soddisfatto. "Non ho potuto salutare il presidente Moratti di persona perché è fuori Milano, ma mi ha telefonato", ha detto l’uruguaiano, senza scendere nei dettagli della chiacchierata con il numero uno della società nerazzurra. "Forse sarò a Torino in serata e domani - ha anticipato Recoba - dovrebbe esserci la presentazione ufficiale".

Il costo dell'operazione Il Torino pone fine ad un inseguimento a Recoba che andava ormai avanti da un anno. Il presidente Cairo aveva già tentato di ottenere il giocatore da Moratti la scorsa estate. I buoni rapporti fra le due società e lo stallo nella cessione di Adriano hanno favorito l’operazione, che al Torino costerà poco più di 500 mila euro.