Record di errori per Indiana Jones

Gaffe da grande schermo: la pellicola più ricca di errori nel 2008 è stata «Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo». Nonostante il budget significativo di 150 milioni di euro, infatti, il film di Steven Spielberg avrebbe stabilito il record di imprecisioni: 67 sviste, sia nella coerenza delle scene (in una, ad esempio, Harrison Ford ha la camicia con le maniche arrotolate, poi, nella stessa sequenza, le maniche sono lunghe) sia nella ricostruzione storica (appare una Harley Davidson progettata dopo il 2000, ma il film è ambientato nel 1957). Tanti errori sono valsi al film il primo posto nella classifica stilata dal sito «moviemistakes.com» e ripresa dal «Daily Mail». Secondo posto per «Il cavaliere oscuro» (46 errori, con Joker che sfoggia pettinature diverse nella stessa scena), terzo il musical «Mamma mia!» con 45 imprecisioni, alla pari con i vampiri di «Twilight».