Record di iscritti al «Lemon Bowl» che compie 25 anni

Festeggia il quarto di secolo il «Lemon Bowl», torneo di tennis nazionale giovanile a partecipazione straniera, e lo fa in grande stile, toccando quota 1883 iscritti, vero e proprio primato che incrementa di 150 presenze l’edizione di dodici mesi fa.
In programma a Roma dal 27 dicembre al 6 gennaio 2009, la storica manifestazione (minore, ma solo per location, dell’Orange Bowl che si disputa negli Stati Uniti; ma qui a Roma hanno vinto, fra gli altri, l’attuale numero uno della Wta Jelena Jankovic, Anna Kournikova e Federico Luzzi, sfortunato tennista recentemente scomparso), vede ai nastri di partenza cinque categorie di tennisti (under 10, 12, 14, 16 e 18 maschili e femminili) e cinquanta giocatori stranieri provenienti da Croazia, Serbia, Montenegro, Moldavia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Svezia, Svizzera, Spagna e Canada. Per la cronaca, le pre-qualificazioni sono iniziate il 13 dicembre e si concludono oggi, mentre le qualificazioni sono in programma dal 27 al 31 dicembre e il main draw dal 2 al 6 gennaio. Si gioca in simultanea sui 26 campi all’aperto (più 9 al coperto) del New Penta 2000, della Madonnetta Fitness Park, della Polisportiva Palocco e dell’Eschilo2.
Le partite si disputano con il sistema del tabellone di estrazione (con partenza in linea) classico per le pre-qualificazioni e le qualificazioni e con il sistema del tabellone di estrazione (con partenza in linea) a sorteggio integrale per i tabelloni finali. I match si disputano al meglio delle tre partite (due su tre) con applicazione della regola del tie-break in tutti gli incontri; in caso di necessità, nelle categorie under 12 e under 14 possono adottarsi le procedure e i metodi di punteggio diversi del regolamento federale. Nella categoria under 10 gli incontri si disputano al meglio di 3 set a 4 games con tie-break sul 4 pari. Vincitori uscenti sono Riccardo Rinaldelli e Ludovica Zauli fra gli under 8, Jacopo Berrettini e Martina Cerulo (10), Riccardo Chessari e Katie Boulter (12), Antonio Mastrella e Maria Masini (14), Luca Margaroli e Benedetta Zauli (16), Cristian Rodriguez e Martina Gledacheva (18). La rappresentativa ufficiale azzurra presente al Lemon Bowl (che è organizzato con il patrocinio della Federazione Italiana Tennis e dell’Unione Italiana Sport Per tutti e in collaborazione con il Comitato Regionale Lazio) sarà difesa da Nicolò De Fraia, Andrea Pellegrino, Chiara Anfosso e Alessia Perrone. L’evento è ormai un appuntamento irrinunciabile per i giovani tennisti e attualmente rappresenta uno dei tornei con maggior numero di iscritti al mondo. Finale sugli under 8: dal 3 al 6 gennaio si disputerà un torneo per gli aspiranti tennisti nati nel 2001 e 2002. È la terza volta consecutiva che accade, segno evidente che la formula funziona. E che il ricambio generazionale c’è. Basta che non si mettano sotto pressione i ragazzi che - «consiglieri» di rito permettendo - dovrebbero trovare nel Lemon Bowl un’opportunità di crescita umana ancor prima che sportiva.