Recordati aumenta la cedola e prevede un 2008 in crescita

da Milano

Il gruppo farmaceutico Recordati ha archiviato il 2007 con un utile netto di 85 milioni di euro, in crescita del 14,6% rispetto al precedente anno. I ricavi sono ammontati a 628 milioni (più 9,1%), mentre l’utile operativo si è attestato a 131,5 milioni (più 9,3%). La posizione finanziaria netta a fine dicembre 2007 era negativa per 97,2 milioni, che si confronta con una posizione positiva per 22,4 milioni alla stessa data del 2006. La società staccherà un dividendo di 0,215 euro per azione, in crescita del 16,2% rispetto a quanto distribuito per l’esercizio precedente. Per il 2008, Recordati prevede un ulteriore incremento per ricavi (più 10%), utile operativo (più 10%) e utile netto (più 14 per cento).
L’inversione di segno della posizione finanziaria netta va riferita all’acquisizione di Orphan Europe, che è stata conclusa nel dicembre scorso. Si tratta di una società farmaceutica europea con sede a Parigi, dedicata a sviluppo, registrazione, commercializzazione e distribuzione di farmaci unici per la cura di malattie rare e orfane. Una malattia orfana è una condizione patologica normalmente di scarso interesse per l’industria in virtù dei suoi bassi ritorni economici; ma è, al tempo stesso, un grande serbatoio di ricerca e di potenzialità farmacologiche inespresse. Orphan Europe, che ha filiali in nove Paesi europei, negli Emirati Arabi Uniti e uffici di rappresentanza in altri sette Paesi, commercializza dieci prodotti per il trattamento di malattie prevalentemente croniche e potenzialmente fatali e ha in sviluppo altri prodotti innovativi.
Il mercato dei farmaci per il trattamento delle malattie rare crescerà nei prossimi anni in modo significativo. I continui progressi scientifici porteranno, infatti, a un aumento delle terapie disponibili per malattie per le quali non ci sono ad oggi trattamenti adeguati. L’acquisizione di Orphan Europe si sposa bene con la strategia di Recordati di rafforzamento del proprio portafoglio di prodotti.