Recuperati i capolavori della collezione Brandi

Le opere d’arte rubate il 1 ottobre dalla villa senese di Cesare Brandi (1906-1988)sono state recuperate a tempo di record dai carabinieri del Comando tutela patrimonio culturale. Si tratta di venticinque dipinti dal XVI al XVIII secolo e 15 oggetti antichi della collezione dello storico dell’arte, fondatore dell’Istituto centrale del restauro. I dipinti e gli oggetti ritrovati costituiscono una collezione di grande valore, frutto della passione di Brandi, padre del restauro italiano, che lasciò le opere allo stato insieme con la sua dimora seicentesca. L’operazione di recupero è stata presentata presso la Pinacoteca Nazionale di Siena dal vicecomandante del Comando tutela patrimonio culturale dei carabinieri, Giovanni Pastore, e dalla soprintendente per il patrimonio storico e artistico delle province di Siena e Grosseto, Lucia Fornari Schianchi. Le opere sono state individuate nel retrobottega di una carrozzeria a Milano. La villa di Cesare Brandi e le sue collezioni d’arte, proprietà dello Stato dal 1996, hanno oggi urgente bisogno di restauro.