Recuperati i resti di un mausoleo

Bellissimi. E soprattutto strappati a un mercato dell’arte clandestino. Sono i resti di un mausoleo romano del I secolo a. C. A trovare l’ennesimo tesoro archeologico - 12 monumentali tavole di marmo scolpite che raccontano la lotta appassionata di un gruppo di gladiatori, accompagnate da un’iscrizione mutila, frammenti di cornici e il basamento di una statua - sono stati, pochi giorni fa nei dintorni di Fiano Romano, Guardia di finanza e Carabinieri dei Beni culturali. Ma l’indagine della procura di Roma, partita in modo fortuito da una serie di intercettazioni, andava avanti da tre anni. Un primo esame, spiega la soprintendente Annamaria Moretti, fa pensare che si tratti di un monumento funebre a edicola, un genere allora molto diffuso e di cui già si conosceva un esempio anche nella zona di Capena. Molti frammenti mancano all’appello, il fregio ritrovato è solo una parte di quello che originariamente decorava il monumento.