In recupero Pirelli

L’andamento degli indici di Borsa a Piazza Affari rispecchia una tendenza prevalente a livello europeo, motivata da diffusi realizzi sui titoli energetici, in conseguenza del forte calo delle quotazioni del greggio. Gli indici ufficiali cedono intorno allo 0,2%, con scambi che si mantengono poco al disotto di 4,4 miliardi di euro. Mentre nel comparto bancario le big proseguono nei moti di assestamento, con Mediobanca in ulteriore calo dell’1,2%, è ritornato in primo piano il gruppo delle popolari alla vigilia di decisioni che potrebbe assumere il consiglio di Bpi (più 4,3%) in relazione a possibili fusioni con altre banche del settore. Bene anche Pop. Etruria (più 2,8%) e Milano (più 1,4%). Nel gruppo Pirelli la holding ha recuperato l’1,1%, ma ha corso Pirelli RE, che si è avvantaggiata di oltre il 6%, alla notizia della quotazione a Londra della partecipata olandese Spazio Investment. Nei tecnologici recuperano intorno al 2% sia Fastweb che Tiscali. Penalizzati i titoli delle concessioni autostradali, con Autostrade e Autostrada To-Mi che contengono le perdite sotto l’1%. Irregolari i titoli della scuderia Agnelli, con Fiat che subisce una modesta limatura, mentre si rafforzano le holding Ifi e Ifil.