Referendum in fumo: non vota nemmeno chi firmò l’adesione

Paradossi all’italiana. La Provincia di Monza-Brianza non c’è ancora, per ora è solo sulla carta. Eppure c’è già chi vorrebbe uscirne e urla alla secessione. Come quelli del comitato cittadino «Per il governo metropolitano» messo in piedi a Brugherio, nemmeno 33mila abitanti a un passo da Milano. Dove domenica si è votato per decidere sulla questione. Un referendum voluto e illustrato anche nel sito del Comune. Il risultato? Ovviamente un no alla secessione. Il quorum? Nemmeno sfiorato. Alle urne, infatti, sono andati in appena 2.901, pari al 10,62 per cento degli aventi diritto. Di questi il 50,95 per cento è contrario all’uscita dalla nuova provincia. Ma il dato veramente interessante è che a mettere la scheda dell’urna sono stati in meno di 3mila, ovvero quelli che avevano depositato la firma per rendere possibile il referendum. Il costo dell’operazione? Ben 95mila euro. Che, sicuramente, Brugherio avrebbe potuto spendere per qualcosa di più utile.