Referendum, l’astensione trasversale

Michela Giachetta

Quelli che dicono «Sì» li vediamo in giro sui cartelloni. Quelli che dicono «No» lo fanno in silenzio. E poi ci sono quelli che si astengono. Che sono tanti. Politici, medici, gente comune. A Roma cresce il fronte di chi sceglie di non andare a votare sulla procreazione assistita. Qualcuno li definisce «pilateschi», nel senso di seguaci di Ponzio Pilato, i sostenitori del non voto. Ma i politici romani che ieri hanno presentato il manifesto sull’astensione, ci giocano (...)