Regali di Natale ai piccoli «ospiti» del Bambino Gesù

Duccio Pasqua

Regali di Natale per i piccoli ricoverati al «Bambino Gesù». Grazie al contributo del Gruppo Capitalia, i circa 450 bambini che passeranno le festività natalizie in un reparto dell’ospedale pediatrico, o nella sede di Palidoro, riceveranno grandi pacchi dono, pieni di peluche, macchinine, bambole, costruzioni e capi di abbigliamento. Il tutto naturalmente in linea con i due decaloghi sul giocattolo sicuro pubblicati recentemente sul portale sanitario della struttura del Gianicolo. La distribuzione avverrà nei giorni 23 e 24 dicembre, mentre il 6 gennaio arriveranno le calze della Befana. I regali saranno scelti dal personale dell’ospedale. «Capitalia e l’ospedale pediatrico in apparenza non hanno nessun legame - ha detto Cesare Geronzi, presidente del gruppo bancario - visto che il nostro lavoro è improntato al raggiungimento della massima produttività possibile, mentre qui si aiuta chi soffre, con carità e nel rispetto della fede. Contribuire ad aiutare i bambini è, però, una nostra decisione strategica, che ci consente di tornare con i piedi per terra, a contatto con realtà molto più importanti».
Il coinvolgimento di Capitalia nelle attività del «Bambino Gesù», avviato in realtà da oltre quindici anni attraverso la Banca di Roma, non si limita all’iniziativa natalizia, ma si estende al nuovo padiglione pediatrico di 6mila metri quadrati, che sarà pronto tra pochi mesi, di cui il gruppo di Geronzi ha finanziando l’acquisto degli arredi. «La nostra volontà - ha continuato Geronzi, legato all’ospedale pediatrico anche da un’esperienza personale - è quella di essere vicini a chi fa attività di ricerca per il benessere comune. Lavoriamo per creare ricchezza, ma non vogliamo dimenticare chi soffre». L’impegno di Capitalia è anche on line, dal momento che il gruppo ha messo a disposizione del «Bambino Gesù» piattaforme tecnologiche utili per sviluppare servizi informatici, presenti sul portale sanitario www.ospedalebambinogesu.it. Nel 2001, infatti, Banca di Roma ha aderito alla creazione di un consorzio di aziende che hanno affiancato l’ospedale nella realizzazione del portale, il primo in Italia a integrare servizi sanitari e informazioni specialistiche, indicato dalla Commissione Europea come uno dei dieci migliori siti del Vecchio Continente per i servizi offerti al pubblico, e il primo in assoluto in ambito sanitario. Una collaborazione e un supporto economico-finanziario che ora si allargano a nuove prospettive, come il possibile coinvolgimento del «Bambino Gesù» nella gamma dei servizi offerti dal Gruppo Capitalia ai propri clienti e ai cittadini, oltre alla definizione di piani di sostegno ai progetti strategici di potenziamento delle risorse assistenziali, diagnostiche e terapeutiche a favore dei bambini e degli adolescenti italiani. Tutto ciò sperimentando soluzioni innovative nel campo della responsabilità sociale.