La Reggina sogna ma Lavezzi salva un brutto Napoli

Napoli. Il solito Lavezzi, con un gol messo a segno negli ultimi minuti, evita al Napoli un nuova sconfitta al San Paolo, contro la Reggina dell´ex Ulivieri. La partita ha avuto un brutto prologo, con incidenti tra tifosi partenopei e forza pubblica, due carabinieri feriti, un teppista arrestato. Ma eccoci all’incontro: nel primo tempo gli amaranto si difendono in modo ordinato, lasciando al Napoli pochi spazi (ma al 27' clamorosa occasione gol mancata con Domizzi e Zalayeta); nella ripresa la Reggina è più vivace, anche grazie all'ingresso in campo di Joelson, e al 9' passa in vantaggio: su un corner dalla destra, Vigiani tra Zalayeta e Rullo, stacca di testa ed insacca alle spalle di Iezzo. Il Napoli reagisce e al 32' ha l'occasione per pareggiare su rigore, ma Calaiò appena entrato si fa parare il tiro. Quando tutto sembra compromesso arriva il gol dell'argentino. Al 44’ su rimpallo in area la palla termina sui piedi di Lavezzi che insacca alle spalle di Campagnolo: «Poteva andare meglio» il commento amaro di De Laurentiis.