Regina commossa: «Grazie sudditi, anche per gli anni a venire»

Spero che il ricordo degli eventi felici del Giubileo illumini le nostre vite per molti anni a venire»: visibilmente commossa nell’ultimo giorno delle celebrazioni dei suoi 60 anni sul trono la Regina Elisabetta ha ringraziato i sudditi in un messaggio alla radio e alla tv confermando di non avere alcuna intenzione di gettare la spugna. Il messaggio di due minuti alla nazione e al Commonwealth che ha chiuso i 4 giorni del Giubileo è stato registrato dalla sovrana con anticipo negli appartamenti privati di Buckingham Palace. Ed è andato in onda dopo un’altra giornata memorabile per Sua Maestà, che poche ore era stata alla cerimonia religiosa nella cattedrale di St Paul, per poi godersi il bagno di folla affacciata dal balcone di Buckingham Palace - circondata dal figlio e dalla moglie, il principe Carlo e Camilla, dai nipoti, Harry e William e dalla duchessa di Cambridge Kate. Frecce tricolori che svettavano sul palazzo reale, un milione e mezzo di inglesi davanti alla residenza, un fiume di bandiere anche nell’ultima giornata del Giubileo di Diamante. I festeggiamenti non potevano andare meglio per Elisabetta II, 86 anni, da 60 sul trono del Regno Unito. Ieri il megaconcerto rock a Buckingham con Paul McCartney, Stevie Wonder ed Elton John. Oggi il seguito della festa. Unico inconveniente: l’assenza del marito, il principe Filippo, ricoverato il giorno precedente per un’infezione alle vie urinarie e che è stato costretto a seguire la cerimonia in televisione. Anche il presidente Barack Obama si è congratulato con la regina e ha espresso la speranza di vederla «regnare per molti anni ancora» e definendola «testimone vivente» della forza della «relazione speciale» tra i due Paesi.
Il premier britannico David Cameron ha definito ieri la monarchia «un’istituzione straordinaria» che il popolo «ama e riverisce» e che «va al di là della politica».