Una regina «Deliziosa» contro la crisi

nostro inviato a Marghera
Le porte stagne si aprono, l'acqua marina inonda il bacino dov'è appoggiato, in equilibrio solo apparentemente precario, lo scafo di «Costa Deliziosa», l'ultima nata della flotta Costa Crociere che entrerà in servizio all'inizio del prossimo anno. Qualche operaio dello stabilimento Fincantieri di Marghera, fra i tanti che assistono, si gode lo spettacolo che pure, per lui e per loro, non è nuovissimo, ma sempre ricco di significati. Sì, un po' di retorica non guasta, questa volta, nella cerimonia di «varo tecnico», che poi è il primo contatto vero della grande nave con l'acqua. E «Deliziosa» è comunque un gigante dei mari, anche se non il più grande del parco molto versatile che offre Costa alla clientela «ai tempi della crisi, per affrontare la crisi», come spiega il direttore generale Gianni Onorato. Oltre 92mila tonnellate di stazza, in grado di accogliere 2828 ospiti, l'unità che ieri ha assaggiato il mare è la quindicesima della flotta e, insieme alla gemella Luminosa va a coprire (...)