Regina della seduzione alla corte di «re Mida»

La mostra londinese «Pop Art Is...» si è chiusa lo scorso 10 novembre, ma il poster di Kate Moss (nella foto sopra) è ancora lì, sulla parete grande della galleria Gogosian, in attesa di trovare posto in qualche collezione privata. Con un centinaio di lavori faceva parte dell’ultima esposizione sulla Pop Art voluta da quello che molti considerano il re Mida dell’arte contemporanea, Larry Gagosian. E proprio quelle opere esposte erano la più recente, e ostentata, verifica del talento «dorato» del mecenate californiano. Detto anche lo «Squalo», forse, ma non solo, perché iniziò la sua splendida carriera di mercante sulla spiaggia di Santa Monica, vendendo manifesti incorniciati. Lo scorso dicembre Gagosian è sbarcato anche a Roma (dopo New York e Londra), inaugurando la sua nuova galleria capitolina con una personale di Cy Twombly, il settantanovenne grande espressionista astratto americano, molto legato a Roma. «Sono felice di aprire qui e mi auguro - ha detto il famoso gallerista - di diventare parte delle vita culturale di questa straordinaria città».