Regionali, Abelli rischia il posto ma aspetta Berlusconi

Malumori, veti incrociati, tessere da mettere ancora a posto nel mosaico delle candidature per le regionali. La scadenza ufficiale per la presentazione delle liste è sabato 27 febbraio, ma per domani è atteso un incontro decisivo tra Silvio Berlusconi, Roberto Formigoni e Guido Podestà. È probabile che Giancarlo Abelli rinunci alla candidatura a Pavia. Anche se si chiama ancora in corsa («mi hanno chiamato per firmare l’accettazione della candidatura»), non esclude un cambio in corsa dell’ultima ora: «Qualunque cosa mi chieda Berlusconi, sono pronto a farla». Per Abelli si è parlato anche di un incarico da sottosegretario, ma un eventuale scambio con Mario Mantovani sembra al momento assai improbabile. Da definire le liste a Monza, dove Massimo Ponzoni potrebbe fare un passo indietro, e a Como. Tra i casi che non sono ancora stati chiusi il 16° posto del listino. L’ipotesi più probabile è che tocchi alla Lega, ma non è escluso un uomo del Pdl, vicino a . Si parla di un suo collaboratore, Paolo Cagnoni.