Regione: «In un anno sono state approvate soltanto due leggi»

«Le Regioni sono enti territoriali che legiferano, qualcuno dovrebbe ricordarlo alla nuova amministrazione di centrosinistra visto che, a distanza di un anno dal cambio di governo, i numeri (quelli veri) dipingono un quadro a tinte fosche: solo due leggi (a eccezione della banale amministrazione), per giunta ereditate dal passato governo Storace, approvate. Appena due». È il capogruppo della Lista Storace alla Regione Lazio, Fabio Desideri, a fare un «bilancio» dell’attività della giunta Marrazzo. «Se non bastasse - continua Desideri - aggiungiamo che solo una decina di proposte di legge hanno iniziato il loro iter nelle commissioni. Un primato, certamente, ma di segno negativo. Abbiamo ricevuto il quadro riepilogativo dell’attività amministrativa, cioè l’elenco dei provvedimenti divenuti leggi regionali nell’VIII legislatura, quella attuale, targata Marrazzo. Si tratta di un documento striminzito di tre paginette. Il perché è semplice: in un anno l’assemblea della Pisana ha approvato sette leggi, quasi tutti atti dovuti».