La Regione «compra» il diritto allo smog

Missione lombarda negli Usa, missione dedicata all’ambiente e alla ricerca. Ieri giornata di trattative, accordi, nuove prospettive: Formigoni va a Boston e la Lombardia acquista, in base al protocollo di Kyoto, il diritto a «inquinare». Ovviamente in modo «strategico» e consentito; vedi accordi internazionali. Si è trattato dunque un tetto di 100 milioni di dollari per crediti in carbonio. E con questi soldi si pagherà il miglioramento dell’ambiente dei Paesi poveri. Non solo. Con l’ingresso nel Carbon Finance Fund della Banca Mondiale, la Regione pagherà meno le quote della tassa per gli inquinanti immessi nell’aria. Formigoni spiega: «Siamo all’avanguardia, abbiamo fatto nostri i limiti del protocollo di Kyoto». E per concludere, dall’ambiente alla ricerca. Ecco, dunque Formigoni a Boston per firmare un accordo con il governatore del Massachusetts su biotecnologie, nanotecnologie e nuovi materiali. Il tutto focalizzato su tre progetti da 5-6 milioni di euro. Infine un appello ai cervelli italiani che affollano le università americane: «Tenete i collegamenti con l’Italia, bisogna andare ma anche tornare - dice il governatore -. Puntiamo, in breve, a raggiungere un saldo attivo tra ingressi e uscite».