La Regione finanzia 1.200 nuovi alloggi

Dei 56 milioni di euro stanziati, oltre 30 andranno a Milano. «Nei prossimi 3 anni investiremo 450 milioni di euro nella casa»

Nei prossimi tre anni la Regione spenderà 450 milioni di euro per risolvere il problema della casa. L’annuncio lo ha dato ieri il governatore Roberto Formigoni presentando, con l' assessore alle Politiche per la casa Gianpietro Borghini, una delibera di giunta che mette a disposizione di 19 Comuni 56 milioni di euro per costruire 1.200 alloggi.
Più precisamente questi fondi, che riguardano la seconda serie di accordi-quadro per lo sviluppo territoriale, andranno agli 11 comuni capoluogo di provincia, a Monza, a Milano e ad alcuni centri dell' hinterland. Di questi, 38 milioni serviranno a costruire alloggi di edilizia residenziale a canone sociale o a canone moderato che saranno costruiti su aree di proprietà pubblica, una possibilità che la Regione offre ai comuni dallo scorso dicembre. Gli stanziamenti andranno in particolare a Milano, Cesano Boscone e Corsico (oltre 30 milioni di euro) per la zona di Lorenteggio, mentre fondi minori andranno a Brescia (4,3 milioni), Bergamo (2,6) e Lecco (1 milione).
«Questa - ha sottolineato il governatore - è un’iniziativa di grande rilievo per le risorse che mette in campo e perché è un passo ulteriore nella risposta a un bisogno che nella regione è forte. Nient’altro che la dimostrazione della nostra costante attenzione al tema della casa».
E a sottolineare l’importanza di quanto ha fatto negli anni scorsi e di quanto ancora ha intenzione di fare la Regione sul problema della casa, è voluto intervenire Borghini ricordando gli 800 milioni impegnati nella scorsa legislatura «grazie ai quali ci sono cantieri per 3mila alloggi già aperti e per 5mila in via di apertura. La nostra è un’iniziativa di grande rilievo che si caratterizza appunto per le ingenti risorse che siamo riusciti a stanziare e per la risposta concreta che questi nuovi 56 milioni di euro vogliono essere di fronte alla grande domanda di abitazioni che si avverte nella nostra regione».
«Nei prossimi tre anni - ha aggiunto Formigoni - impegneremo 450 milioni di euro sul versante della casa con accordi quadro per la costruzione di alloggi, riqualificazione, sostegno delle famiglie per gli affitti e per percorrere nuove strade nella housing sociale. Gli accordi sono strumenti nuovi, creati appositamente dalla Regione per coinvolgere in forma diretta i comuni interessati, evitando la lunga trafila che richiederebbero nuovi bandi e graduatorie».
Borghini ha ricordato come vada letto in quest’ottica l’ulteriore stanziamento deliberato in questi ultimi giorni da Palazzo Marino, pari a 55 milioni di euro, che saranno investiti su un’area di 1,2 milioni di metri quadri, una delle più grandi operazioni abitative mai fatte».
«E per far capire quanto facciamo - ha concluso l’assessore - basta pensare che il governo nazionale in Finanziaria ha messo 500 milioni per tutta Italia».