Alla Regione una manovra da 24 miliardi

La giunta regionale del Lazio ha approvato il bilancio di previsione 2010-12, un bilancio «tecnico» da circa 24 miliardi di euro, senza programmazione finanziaria, che ha l’obiettivo di garantire il funzionamento dell’amministrazione regionale e il programma anti-crisi. Tra le poche novità, rispetto alla finanziaria dello scorso anno, la copertura del disavanzo sanitario 2009 con ulteriori 250 milioni di euro. Per il resto sono stati confermati tutti gli interventi a sostegno di persone e famiglie in difficoltà stabiliti nel 2009: dal reddito minimo garantito, cui sono destinati 60 milioni di euro l’anno (cifra che consentirà di sostenere circa 12 mila cittadini con un reddito al di sotto di 8 mila euro annui) al fondo di rotazione delle imprese finalizzato alla ripresa produttiva del Lazio, che avrà a disposizione 60 milioni all’anno. Garantiti anche il trasporto pubblico gratuito per i giovani al di sotto dei 25 anni, e il sostegno della legge sulla casa. Il documento economico sarà presentato il prossimo lunedì in commissione Bilancio, e il 22 dicembre sarà sottoposto all’esame del Consiglio Regionale. «Il nostro obiettivo - ha spiegato l’assessore al Bilancio Luigi Nieri - è proseguire, senza scossoni, nel progetto di costruzione di un welfare regionale delineato negli ultimi anni».