La Regione mette in archivio suoni e immagini

Mille registrazioni sonore, trentamila immagini fotografiche, tremila video, duecento telefilm e documentari. È il notevole bagaglio culturale della mediateca regionale presentato ieri in piazza De Ferrari dall'assessore Fabio Morchio e dal presidente dell'Ente Marco Ferrari. Un fiore all'occhiello per la Liguria che, nei prossimi tre anni, diventerà ancora più accessibile al pubblico. Il comune di La Spezia ha infatti deciso di dedicare alla mediateca regionale un nuovo spazio spostandola dalla sede attuale degli archivi multimediali in municipio al cinema Odeon. Un'operazione che ha portato, un mese fa, all'acquisto della struttura a due passi dalla stazione ferroviaria spezzina e che vedrà nascere un progetto di livello nazionale. Nella sala si prevede la realizzazione di un grande open space con postazioni multimediali, biblioteca, videocassette, uffici, magazzini e una saletta per cinema d'essai da 150 posti. Sarà inoltre conservata l'attuale struttura di carattere cinematografico utilizzando anche, come spazio di lettura, il palcoscenico dell'ex teatro dell'Odeon. Non è tutto. Sono in progetto pure, sul modello di quanto avviene in altre regioni, postazioni di accesso alla memoria complessiva della mediateca da altre città, oltre alla sede centrale. A questo scopo è allo studio un secondo punto di accesso a Genova presso una struttura pubblica della regione Liguria.
Dai progetti ai programmi. Il comitato che gestisce l'ente ieri ha pubblicato anche le linee di programma per l'anno prossimo sulla base dei contributi regionali di centomila euro. Si comincia giovedì 8 gennaio a Genova e si continua venerdì 9 gennaio 2009 a La Spezia con Liguria Horror Express. Si tratta di convegni e rassegne dedicate a Mario Bava e Roberto Natale. Il primo giorno l'appuntamento è alle 16 a Palazzo Ducale e alle 20,15 alla sala Sivori con le proiezioni di Operazione paura e La casa dell'esorcismo. Il secondo giorno è ancora alle 16 al Centro Allende e alle 20,15 al cinema Il Nuovo che ripropone le stesse pellicole. Per entrambi gli eventi l'ingresso è gratuito. L'attività della mediateca prevede poi la pubblicazione delle guide Liguria location, l'acquisto di attrezzature per la migliore fruizione al pubblico del materiale, le produzioni di alcuni documentari, l'organizzazione del concorso Racconta la Liguria.