La Regione «Nessuno finora ucciso solo dal virus H1N1»

«Ad oggi in Lombardia non si è verificato alcun decesso che abbia avuto come causa prevalente il virus A/H1N1». Torna a ribadirlo l’assessore regionale alla Sanità Luciano Bresciani, nonostante il ministero del Welfare conteggi i casi lombardi come morti legate alla nuova influenza. Quanto all’ultimo caso, registrato a Desio, Bresciani precisa: «Questi pazienti sono morti per cause non direttamente legate alla nuova influenza. Nel loro quadro clinico già gravemente compromesso il virus si colloca come una sovrainfezione, ma non è la causa determinate dei decessi. Finora non abbiamo avuto casi in cui la morte era dovuta a un’infezione primitiva da H1N1». Il nodo da sciogliere riguarda dunque le modalità di classificazione delle morti legate al virus. È su questo fronte che la Regione Lombardia ha chiesto chiarimenti al ministero. Intanto nella settimana dal 26 ottobre al 1º novembre i casi di assistiti per sindromi simil-influenzali in Lombardia (non solo da virus A/H1N1) sono cresciuti dal 5,85 per mille al 13,48 (in Italia dal 3,88 all’8,96). E circa il 40% degli 8000 medici di famiglia lombardi si sono già vaccinati contro il virus influenzale.