La Regione quintuplica i suoi affitti

Rivoluzionare la gestione dei 402 immobili proprietà della Regione e quintuplicare i guadagni per le casse dell’amministrazione, passando dagli attuali 400mila euro l’anno a 2 milioni di euro. La Regione Lazio, con una delibera approvata martedì in giunta e proposta dall’assessore al Demanio e patrimonio, Marco Di Stefano, ha deciso di modificare radicalmente le modalità di locazione degli alloggi di sua proprietà. «È finita la stagione degli affitti allegri - ha detto l’assessore Di Stefano illustrando la delibera - è la prima volta che si rimette mano ai canoni di questi immobili pervenuti alla Regione da enti disciolti e restati invariati dal 1977. In accordo col presidente Marrazzo in questi mesi abbiamo provveduto a inventariare i nostri beni e in seguito li abbiamo sottratti al regime di Erp, Edilizia residenziale pubblica».