La Regione rassicura sui treni in valle Scrivia

Utilizzare, come vorrebbe il Comune, via Tagliamento come deposito temporaneo di 20 bus dell’Amt è una pessima scelta, contro la quale il Municipio VIII Medio Levante intende opporsi strenuamente: lo conferma il presidente Pasquale Ottonello che censura, in particolare, gli «annunci a effetto, contraddittori quasi a volerne verificare le reazioni», fatti filtrare attraverso i giornali, senza preventiva consultazione dei Municipi interessati, da esponenti della civica amministrazione. Chiaro il riferimento al vicesindaco Paolo Pissarello, che ha anche la delega alla Mobilità, secondo cui la dismissione dei depositi dell’Amt in zona e la conseguente necessità di trovare spazi esterni per i bus potrebbe comportare il sacrificio di numerosi posti auto. «Le conseguenze - insiste anche il vicepresidente del Municipio, Fabio Orengo - sarebbero rovinose per i cittadini, visto che le decisioni vengono assunte come al solito senza proporre soluzioni alternative. Tanto più che la scelta del Comune scaturisce in contemporanea con una operazione residenziale speculativa». L’alternativa esiste, aggiunge Orengo, e viene proposta dallo stesso Municipio che ritiene opportuno pedonalizzare piazza Remondini «per renderla fruibile al meglio da parte delle mamme e dei bimbi che abitano il quartiere». Ma ci sarebbe anche un altro suggerimento al Comune: «Perché non si pensa di usare piazza Verdi come spazio in cui parcheggiare i 20 bus che “avanzano“ nei conti dell assessore? Magari contribuirebbe anche ad aumentare la vigilanza in quell’area che ormai è in pieno degrado per le cattive frequentazioni quotidiane».