«La Regione telefoni gratis con il computer»

Costi della politica? Sono anche quelli che non portano soldi direttamente nelle casse dei partiti e dei loro rappresentanti. Sono in pratica quelli che è più facile provare ad abbattere. Una voce di bilancio su cui la Regione Liguria potrebbe risparmiare, e tanto, è quella della telefonia. A suggerirlo è una consigliera della maggioranza, Roberta Gasco, gruppo Udeur. La sua è un’idea che verrà messa nero su bianco con un ordine del giorno, un atto cioè che impegni la giunta a fare sul serio. Il suggerimento è quello di usare la tecnologia, in particolare il sistema «Voice over IP», lo Skype ad esempio. Per i non addetti agli ultimi ritrovati della scienza, significa un sistema che consente di collegarsi telefonicamente e in videoconferenza con un semplice computer collegato a internet. Un sistema cioè che mette in contatto con tutto il mondo a costo zero. Perché quello che si paga è solo il collegamento alla rete. «E intanto questo per la Regione Liguria avviene già 24 ore su 24 - sottolinea la Gasco -. Cioè non ci saranno costi aggiuntivi, ma solo risparmi. Ed è doveroso che le pubbliche amministrazioni diano il buon esempio, usando tra loro i sistemi più convenienti. È ovvio che questo non significa annullare tutti i contratti con le compagnie telefoniche, perché offrono anche servizi irrinunciabili, ma la nuova tecnologia permette di ridurre di molto le spese di bolletta». La consigliera Udeur ribadisce come, in un momento in cui c’è la smania di tagliare tutto cioè che può considerarsi un costo della politica, si possa anche operare con intelligenza, senza per forza rinunciare anche a spese necessarie.