La Regione vuol tutelare i bimbi, non Maria

Monica Bottino

Maria è in Bielorussia da venerdì scorso. Per oltre venti giorni il suo caso è stato su tutte le prime pagine dei giornali, ma dai vertici della Regione Liguria non si è alzata una voce. C’è di più. L’ordine del giorno - firmato il 12 settembre da tutti i consiglieri in maniera unanime - che impegnava il presidente Claudio Burlando a un intervento per difendere i diritti della bambina è rimasto lettera morta. Maria - dopo un mese di dolore e battaglie che hanno coinvolto a vario titolo l’Italia - è stata riportata con un blitz notturno in Bielorussia. Ma ieri, come se niente fosse, in Regione (...)