«Regolarizziamo ogni giorno oltre venti tra colf e badanti»

Il lavoro della Prefettura e l’impegno per la regolarizzazione di colf e badanti non si è mai fermato. Con una nota trasmessa agli organi di stampa la Prefettura di Genova interviene «per fornire precisazioni» dopo «le notizie diffuse dai media locali e nazionali sull’attività programmata per la regolarizzazione di colf e badanti stranieri».
«La lavorazione delle pratiche da parte della Prefettura - spiega il capo ufficio stampa, Garufi - è iniziata al momento in cui le stesse hanno cominciato a pervenire per via telematica dal Viminale, dopo la scadenza del 30 settembre fissata quale termine ultimo per la presentazione delle istanze. Completata via via l’istruttoria con l’acquisizione dei necessari pareri della Questura e della Direzione provinciale del lavoro, già dai primi di novembre sono partite le prime convocazioni per l’appuntamento presso lo Sportello Unico per l’immigrazione per la stipula dei contratti di soggiorno».
La Prefettura fa anche sapere che è già stato stilata una agenda con la calendarizzazione degli appuntamenti con oltre venti appuntamenti per ogni giorno: «Abbiamo già inviato convocazioni per un totale di 200 - dice ancora la Prefettura -. Sarà oggetto di attento monitoraggio, nella prospettiva di adeguare la complessa macchina organizzativa messa a punto all’esigenza di completare le procedure di regolarizzazione nel più breve tempo possibile, mediante l’aumento del numero di convocazioni giornaliere. Nell’ambito della consolidata collaborazione instaurata con gli organismi interessati, è stato poi convocata per la prossima settimana una riunione del Consiglio territoriale per l’immigrazione con l’intento di fornire ogni chiarimento sugli aspetti normativi, procedimentali ed organizzativi attinenti all’espletamento della regolarizzazione».