Reja: «Contro l'Inter non vedrete la Lazio della scorsa stagione»

Due maggio duemilaedieci, Lazio-Inter 0-2, la partita surreale, quella che un'indignata Rosella Sensi timbrò come un manzo: «L'Inter dovrebbe vergognarsi». Moratti le rispose: «Di cosa?», e per lui finì lì.

Due maggio duemilaedieci, Lazio-Inter 0-2, la partita surreale, quella che un'indignata Rosella Sensi timbrò come un manzo: «L'Inter dovrebbe vergognarsi». Moratti le rispose: «Di cosa?», e per lui finì lì. La Roma pensò che quella vittoria dell'Olimpico significava la fine della lotta per lo scueetto, tre giorni dopo la sconfitta in finale di Coppa Italia proprio contro l'Inter battezzerà un'altra sconfitta, . Stagione scorsa, domani ancora lazio Inter e reja questa volta alza la voce: «Battere l'Inter significa aprirsi spiragli ancora più importanti. Una vittoria ci darebbe ancora più forza, entusiasmo e convinzione nei nostri mezzi, e regalerebbe una grande gioia anche ai nostri tifosi. Per farlo, però, servirà una partita perfetta». Edy Reja non ha dubbi, per battere la formazione di Benitez, seppur incerottata, servirà la Lazio migliore, stiamo parlando della squadra che l'anno scorso ha vinto tutto e viene da due prestazioni importanti, e sta recuperando dei giocatori importanti». Pausa.
«La mia Lazio è consapevole di essere forte - ha poi confessato - Lo abbiamo dimostrato sul campo, con buone prestazioni, buon gioco e soprattutto con i risultati. La consapevolezza e l'autostima ci sono. Ora vediamo di iniziare subito bene. Di certo, contro i nerazzurri, domani, non si vedrà la Lazio arrendevole dello scorso anno. Non succederà - ha concluso - daremo il 105% davanti ad uno stadio pieno».
La Lazio recupera Biava e quindi Reja dovrebbe schierare la difesa titolare: Lichtsteiner, Biava, Dias e Radu davanti a Muslera. Hernanes dovrebbe tornare nella posizione di trequartista e controllareCambiasso nella fase di possesso palla nerazzurro. Quanto a Mauro Zarate, l'argentino verrà dirottato sul versante sinistro per partire da lontano e non dare così punti di riferimento. Mauri si posizio-na nel ruolo di esterno de-stro. Quanto alla linea mediana, qui risiedono i maggiori dubbi per Reja, la coppia più probabile dovrebbe essere Ledesma-Brocchi ma è da tenere in considerazione anche l'inserimento di Matuzalem sacrificando in questo caso uno tra Mauri e Zarate. Intanto l'attesa a Roma cresce: venduti già più di 20mila biglietti.