Relax o divertimento, il giro del mondo in un bicchiere

Ma quali sono i locali più trendy dove incontrarsi in giro per il mondo? Questa è la stagione degli apersky, happy hour da vivere ad alta quota, sulla neve, nelle baite, nei rifugi o negli igloo. Quasi un rito per chi si toglie snowboard e carver e si riscalda con bombardini (un mix di Vov, whisky e panna), birra e cocktail ready to drink. Da dove cominciare? Nello speciale di Qui Touring dedicato alla neve si parte da Livigno dove l'appuntamento irrinunciabile è al Mottolino, un rifugio a 2400 metri dove si può anche incontrare Giorgio Rocca, e più giù al Tea del Vidal, una baita alla base delle piste preferita invece dal freestyler Mattia Pegorari. A Bormio si beve e si balla allo Chalet La Rocca, a Madonna di Campiglio alla storica Cantina del Suisse, nell'antica casina di caccia dell'imperatore Francesco Giuseppe, o all'avveniristico Ober-1-One, tutto metallo, legno e cristallo e ponticelli trasparenti. Altra atmosfera a Obereggen, nel Sudtirolo, dove i due locali attrazione sono Tipì, una tenda indiana alta oltre 10 metri, e Ganischger Alm, un igloo di plexiglas, mentre a Corsara i rendez vous sono anche a L'Murin, in un antico mulino.
Insomma stesse atmosfere che di solito si vivono in pianura, negli open lounge bar delle città, autentici salotti dove trascorrere qualche ora nel più completo relax, locali frequentati, secondo l'Istat, quotidianamente, dal 26,5% degli italiani. Già, ma dove andare? E come devono essere per catturare l'interesse dei giramondo? Secondo la società di sondaggio Eta Meta Trend Lab devono puntare su design, multifunzionalità ed entertainment. Così hanno fatto i locali più di tendenza del mondo, dallo Skybar dell'Hotel Mondrian di Los Angeles dove si dà appuntamento la Hollywood che conta, all'esclusivo Purple Bar di Londra inventato da Philippe Starck, dall'ovattato Buddha Bar di Parigi al Lotus, un'oasi del relax nel cuore frenetico di New York, per arrivare al recentissimo Nescafè Open Lounge aperto da poche settimane al Noy di Milano. Per tutti la filosofia è sempre la stessa: eccentricità, stile e atmosfera soft. L’evoluzione del lounge bar è dunque una sorta di salotto di casa aperto su tutto ciò che c'è di più innovativo e avanzato in fatto di eventi, tendenze, trend ed esperienze.
Comunicare, scambiare idee ed esperienze è considerato sempre più vitale, come dimostrano i 600 milioni di persone che ogni giorno utilizzano Internet nel mondo. Come emerge anche da una ricerca Corecom del 2005: gli over 16 navigano in Internet ben 3 ore al giorno e il 50% dei giovani considerano ormai irrinunciabili telefonini e sms.
L'evoluzione del lounge bar è dunque una sorta di salotto di casa aperto su tutto ciò che c'è di più innovativo e avanzato in fatto di eventi, tendenze, trend ed esperienze. La nuova tendenza nasce dalla sintesi tra l’offerta dei locali più cool del panorama internazionale e le nuove esigenze per il tempo libero e l'intrattenimento fuori casa. Libertà di prendersi i propri spazi per lavorare o informarsi e intrattenersi con internet, riviste e libri ma anche il piacere di scoprire nuove passioni e stimoli sempre più diversificati: dalla musica alla cucina, dall’arte alla conversazione.