Via Rembrandt, fuga di gas Ottanta persone evacuate

Sono rientrate solo a metà pomeriggio le 80 persone sgomberate da due condomini tra via Rembrand e via Pisanello coinvolti in una fuga di gas. Qualche momento di tensione solo quando una nucleo si è rifiutato di lasciare la propria casa. E mentre gli «sfollati» venivano ospitati in pullman del Comune, che ha anche provveduto a rifocillarli, i tecnici hanno riparato la condotta e consentito il ritorno alla normalità.
L’allarme è scattato ieri mattina intorno alle 8.30 quando alcuni residenti e passanti hanno iniziato a segnalare una insopportabile puzza di gas. In breve arrivano i vigili del fuoco, i tecnici della «A2a», polizia locale, protezione civile e medici del 118. Effettivamente la rottura della condotta c’era e veniva individuata proprio davanti il civico 7 di via Rembranbd, subito evacuato insieme a quello vicino, al 2 di via Pisanello. Anche se una famiglia ha opposto una certa resistenza e c’è voluta tutta la pazienza dei poliziotti per farla scendere in strada. Verso le 10.30 c’erano almeno 80 persone in strada, assistite dalla protezione civile e dalla croce rossa. Per chi non sapeva dove andare, il Comune ha messo a disposizione alcuni mezzi dell’Atm, insieme con bevande calde e poi un pasto quando è arrivata l’ora di pranzo.
Nel frattempo in un clima un po’ irreale, la circolazione, compresa quella dell’autobus 16, veniva bloccata fino a piazza Velaquez, e i tecnici del gas hanno scavato fino individuare la perdita riparata poi nel primo pomeriggio. Solo attorno alle 16 il guasto era stato riparato e veniva dato il cessato allarme, i residenti hanno potuto tornare nelle loro abitazioni e il traffico riprendere regolarmente.