Renault New Twingo la piccola francese diventa più grande

Abitacolo spazioso e conviviale Si possono caricare oggetti fino a 2 metri

La nuova Renault Twingo, che da una decina di giorni sta calamitando l’attenzione degli automobilisti italiani nelle concessionarie, è una vettura che nasce con una pesante eredità sulle spalle: i 2,4 milioni di unità prodotte della prima generazione in 14 anni. Raccogliendo il testimone, New Twingo ha puntato tutto su sostanza e concretezza («Twingo, 99% serious» è l’emblematico claim della pubblicità), senza tuttavia trascurare il design, con un frontale sbarazzino e simpatico che diventerà presto inconfondibile sulle strade. Forte è il family feeling Renault nella parte posteriore, mentre nella visione laterale risalta il passo allungato (2,64 m).
Cresce la piccola francese, in lunghezza (3,60 m), in larghezza (1,65) e in altezza (1,47), dimensioni che ne sottolineano la compattezza che si traduce in agilità nella marcia, che è sempre tonica e rassicurante. New Twingo si rivela facile da guidare (anche nella versione al top, la Gt benzina con l’inedito motore TCE turbo da 100 cv), perché reagisce in maniera prevedibile ai comandi del guidatore, trasmettendo una sensazione mista di brio, controllo della vettura e comfort. A fornire dinamicità provvedono i motori, una gamma completa, dove troviamo, per la prima volta su una Twingo, un propulsore diesel: 1.5 l dCi, 65 cv di potenza massima, questa unità, grazie alla buona coppia (160 Nm a 1.900 giri), è sempre vivace e molto parco nei consumi, con 4,3 litri per 100 km nel ciclo misto ed emissioni di anidride carbonica contenute in 113 grammi/km. Il basso impatto ambientale è caratteristico anche dei motori a benzina, sia del potente TCE, sia dei due 1.2 (8 e 16V), 60 e 75 cv di potenza, che fanno registrare valori di CO2 sempre inferiori ai 140 gr/km, che consentono a New Twingo di poter beneficiare degli incentivi in caso di rottamazione. È comunque nell’abitacolo dove Twingo cala i suoi assi, proponendo un ambiente spazioso, flessibile e conviviale come nessun altro nella categoria. I due sedili posteriori (la Twingo è disponibile soltanto in versione tre porte e quattro posti), per esempio, hanno un’escursione longitudinale di 22 cm, sono dotati di schienali inclinabili e possono essere completamente ribaltati per lasciare spazio al carico (da 165 a quasi 1.000 litri di capacità); abbattendo a tavolino lo schienale del sedile del passeggero anteriore si arrivano a caricare oggetti lunghi fino a due metri. Il piacere di viaggiare viene poi arricchito da 11 vani portaoggetti che hanno una capacità totale di oltre 28 litri, tanti in una vettura di queste dimensioni. Un altro obiettivo della New Twingo era quello di essere trendy, già pronta a essere al passo con le nuove tendenze alle quali aggiungere dettagli studiati secondo l’originale stile di Renault.
Già la gamma di serie, composta di 18 versioni, è comunque pronta a rispondere alle più svariate esigenze grazie a una razionale elaborazione articolata sul prezzo (Polo Basso e Polo Alto) e sul design (Design Classico e Design Moderno) che interpretano differenti stili di vita. Questi parametri vanno poi incrociati con i sei livelli di allestimento previsti, combinazione da cui esce un listino prezzi che va dagli 8.500 euro della Base 60 cv ai 15.100 della lussuosa dCi Initiale.