Renoir, Chagall e Picasso per un compleanno speciale

Marzia Fossati

La Galleria d’Arte Moderna di Genova Nervi non ha ancora compiuto un anno e si vede. I divani dinnanzi alla vetrata nella prima saletta dedicata alle statue sono ancora bianchissimi, il personale non si è ancora stancato di sorridere e il vialetto antistante l’ingresso sembra ancora quello in marzapane della strega di Hansel e Gretel. Eppure, in questo primo anno di attività, tra le quattro mura del neonato museo affacciato sui parchi più famosi della città ne sono successe di cose: settanta eventi in soli sette mesi non sono certo bazzecole. E da oggi si riparte con un nuovo ricco calendario di attività e mostre, denominato «Arti», che i Musei di Nervi, riuniti in un unico polo museale, presentano per la prima parte della stagione invernale e che andrà avanti fino alle festività natalizie.
Ovviamente il piatto forte di questo ricco banchetto di arte e cultura sarà servito alla Gam, come viene ormai confidenzialmente chiamata dagli amici la Galleria d’Arte Moderna, dove, dal 12 novembre fino all’8 gennaio, l’esposizione «Ospiti in bella mostra: Renoir, Chagall e Picasso. Capolavori del Museum of Art di Tel Aviv» la farà da padrona. Organizzata per festeggiare degnamente il primo compleanno della Galleria, questa mostra si propone di offrire al pubblico la possibilità di ammirare tre capolavori del Novecento internazionale eccezionalmente in prestito dal prestigioso museo israeliano, quasi ad apporre altrettante luminose candeline su una torta già di per sé abbastanza appetitosa. Ma, come si dice, senza la ciliegina la torta non può dirsi completa, e quale migliore candito di una serie di concerti ispirati proprio alle tre figure degli artisti che firmano le opere in arrivo da Tel Aviv, in una sperimentazione di musica e luci colorate, sponsorizzata da Enel e realizzata dal Laboratorio di Informatica Musicale della Facoltà di Ingegneria.
Ma la torta di compleanno per festeggiare il primo anno di attività della Gam non è solo una golosa metafora, ma un dolce reale, in crema e pan di spagna, realizzato dalle pasticcerie Panarello, che domenica 13 novembre, dalle ore 15.30, in diversi esemplari, verrà offerto ai bambini che vorranno prendere parte alla festa «Buon compleanno Gam!». Ai più piccoli il nuovo programma dei Musei di Nervi riserva tra l’altro numerose attività, laboratori e intrattenimenti, il cui calendario completo sarà al più presto disponibile presso gli stessi.
Rimanendo ancora in tema mangereccio, si anticipa che in data 8 dicembre, alle ore 16.30, in occasione della presentazione della cucina restaurata di Villa Luxoro, si terrà un concerto di contenuto «culinario» dall’invitante titolo «Cucina in musica» con Carlo Mazzoni e il soprano Patrizia Vaccari, in occasione del quale, oltre ai locali di servizio, verrà aperto al pubblico l’intero museo. Nella stessa rinnovata «Cucina delle feste», verrà inoltre allestito un Presepe popolare, a cura di Giulio Sommaria. Mentre, alle ore 16.30 del giorno seguente, lo storico Giovanni Rebora intratterrà il pubblico con la conferenza «Dalla cucina aristocratica alla cucina borghese».
Altra novità importante dell’autunno al Museo Luxoro è indubbiamente la mostra fotografica «I Luxoro e gli altri: immagini dell’archivio fotografico della famiglia Luxoro» curata dal conservatore del museo Loredana Passa.
Ma l’evento forse più atteso e rilevante, quello che chiude in bellezza il 2005 dei Musei di Nervi, è probabilmente l’apertura al pubblico, il 17 dicembre, alle ore 10, della «Wolfsoniana», la nuova sede espositiva della collezione di Mitchell Wolfson jr., realizzata grazie al generoso finanziamento della Fondazione Carige. Il sistema dei Musei d’arte di Nervi viene così potenziato dalla presenza di una quarta realtà museale connotata da un ricco percorso di dipinti, sculture, e arti decorative incentrato su un arco cronologico che va dall’Ottocento agli anni Quaranta del Novecento.