Repetto scala la cima di Fondazione Carige

Passo avanti dell’imprenditore Flavio Repetto verso la presidenza della Fondazione Carige, come successore del professor Vincenzo Lorenzelli: ieri il presidente della Provincia, il quasi omonimo Alessandro Repetto, ha designato l’industriale come componente del Consiglio di indirizzo dell’istituto che detiene la maggioranza di Banca Carige. Con questa motivazione: «Le sue alte qualità personali e professionali sono state alla base della mia scelta, in sostituzione di Sergio Rossetti», che è entrato nel consiglio di amministrazione della Fondazione. La designazione rientra nell’ambito della ritrovata unità d’intenti, auspicata a suo tempo dall’onorevole Claudio Scajola e manifestata, di recente, con le nomine nel nuovo Cda della Fondazione. In questo senso, verrà avanzata dai consiglieri che si richiamano al centrodestra (e sono la maggioranza) la proposta di assegnare a Repetto la presidenza dell’istituto. Flavio Repetto è nato 75 anni fa a Lerma, in provincia di Alessandria. Inizia l’attività in proprio, avviando un’azienda per l’imbottigliamento dei vini. Passa poi al settore della ristorazione collettiva, ampliando il campo d’attività all’imbottigliamento delle bevande gassate e alla distribuzione automatica di bevande. Nel 1982 rileva Elah e Dufour, in stato prefallimentare, e riesce non solo a salvarle, ma anche a svilupparle, riassorbendo gran parte della manodopera. Nel 1985, anno in cui gli viene conferita l’onorificenza di Cavaliere del lavoro, acquista la Novi Cioccolato, e dà ulteriore impulso alla sua attività produttiva. Al Gruppo (400 dipendenti) fanno capo le società Elah-Dufour, Baratti & Milano e GR-Generale Ristorazione.