Replica a Napolitano Il ministro Vito: «Debole è la legge non il Parlamento»

Elio Vito, ministro per i Rapporti con il Parlamento, risponde a distanza al presidente Giorgio Napolitano, che aveva espresso perplessità sul momento politico attuale. «Non rimpiango il Parlamento in cui i governi cadevano e si facevano solo leggi di spesa. Non c’è una crisi delle Camere ma della legge parlamentare, che è una falsa rappresentazione della democrazia. In passato - fa notare Vito - i parlamentari contavano perché con il voto segreto facevano cadere i governi, non pensando alla volontà popolare. Detto questo, sono convinto che anche con l’opposizione si possano trovare punti di contatto per riformare le istituzioni».