La replica Slitta il voto Oggi contestatori ancora in strada

Intoppi procedurali, errori e contrattempi hanno costretto il governo a far slittare a oggi l’approvazione della riforma della scuola. E così le manifestazione di ieri, che avrebbe dovuto chiudere il 2010, verranno con ogni probabilità replicate anche oggi. Difficile immaginare scene di guerriglia urbana, che gli antagonisti milanesi non sembrano in grado di organizzare, ma la solita giornata di tensione e blocchi stradali si. Tanto nessuno si sogna di fermare i ragazzi, per evitare che, dopo le carica, i soliti «indignati speciali» puntino il dito contro governo e forze dell’ordine.