La replica/1 «La Destra» e la notte anti fusione

Caro Direttore, ho letto con interesse gli ampi servizi del suo quotidiano sulla megafusione Iride-Enia. Desidero peraltro precisare quanto segue: 1) il Gruppo Misto composto dal sottoscritto, Consigliere Comunale de La Destra, e dal sen. Musso ha partecipato alla battaglia contro la fusione presentando una quarantina tra emendamenti e ordini del giorno, alcuni dei quali approvati. A nome de La Destra, sono costantemente intervenuto nel lungo dibattito, utilizzando anche l’ultimo secondo del limitato tempo assegnatomi da una vergognosa interpretazione del Regolamento consiliare. 2) Benché tutti i consiglieri di opposizione si siano battuti straordinariamente compatti, taluni come Costa, Gagliardi, Grillo e Centenaro con particolare efficacia, fianco a fianco contro la contestatissima delibera, onestà vuole precisare che solo dieci di noi sono stati protagonisti della lunga maratona notturna a Tursi, conclusasi alle 7.55 del giorno successivo, e precisamente i Consiglieri Della Bianca, Campora, Cecconi, Balleari, Viazzi, Basso, Murolo, Piana, De Benedictis e Bernabò Brea. Le sarei grato se volesse cortesemente dare riscontro sulle pagine del Suo giornale che il movimento politico La Destra, che ho l’onore di rappresentare, ha partecipato al lungo ostruzionismo in Consiglio Comunale. Come minimo con non minore intensità degli altri gruppi consiliari di minoranza. Purtroppo, prendo atto che in questa come in altre occasioni la stampa «censura» le battaglie de La Destra e mie personali. Cordiali saluti.
*consigliere capogruppo Misto

Prendiamo atto, anche se non sappiamo a quale censura si riferisca il consigliere. Non certo a quella del Giornale che lo ospita ad ogni occasione possibile.