Repubblica Dominicana in festa tra carnevale e balene

Camilla Golzi Saporiti

Una ventata d'aria calda all'apertura dell'aereo. La senti, la respiri, e le ore di volo sono già un ricordo. Mentre aspetti le valigie, noti una scritta: «Republica Dominicana, lo tiene todo». Parli o non parli spagnolo, ma capisci. Lo slogan di benvenuto della seconda isola, dopo Cuba, più grande delle Antille sintetizza quello che scoprirai lungo il viaggio. A partire dal fatto che è riduttivo chiamare l'isola Santo Domingo. Perché la capitale più antica del Nuovo Mondo è una delle mete di un Paese ricco e vario, uno spicchio di un ventaglio ampio e colorato che tra febbraio e marzo dà il meglio di sé. Proprio nei mesi per noi più faticosi, quelli in cui l'inverno si trascina e la svolta primaverile non arriva, qui è il momento più bello dell'anno. Per il clima, che è caldo, asciutto, da manuale. Per il Carnevale, che fino a marzo si festeggia in ogni città e villaggio. Dalla capitale a Puerto Plata, da Punta Cana a La Romana, la domenica si sveglia, si veste di allegria e scende per le vie. Con carri, costumi, canti, balli. Uno spettacolo che raggiunge il clou il primo weekend di marzo con la parata sul melacon di Santo Domingo. Il Carnevale è un must, raccoglie l'energia di un popolo che ha il sorriso sul volto e il ritmo nel DNA. Trasmettono buon umore. Lo fanno sui carri e a cavallo delle onde di Cabarete, nell'intatta Costa Norte. Considerata la capitale del surf, Cabarete combina lunghe spiagge, venti forti e onde alte metri. Qui, dal 23 al 27 di febbraio, torna Master of the Ocean, un evento sportivo unico. Da vedere. Con i piedi nella sabbia, tra i locali sotto le palme. Spericolati campioni della tavola si sfidano a colpi di adrenalina e salti, movimentando, tra grida e performances, uno scorcio di natura selvaggia affacciata sull'Oceano grintoso. Che qualche chilometro a est, verso Samanà (nuovi voli diretti con NeosAir: www.neosair.it), regala la sfilata delle balene. Lunghe anche 15 metri e pesanti fino a 60 tonnellate, passano a centinaia, dando vita ad acrobazie e canti d'amore dei maschi alla conquista delle femmine. Sotto gli occhi dei visitatori, innamorati di loro più di tutti. Info: Ente del Turismo della Repubblica Dominicana, www. godominicanrepublic.com.