Una Repubblica fondata sul poco lavoro

Giano Accame ricostruisce gli accadimenti politici italiani degli ultimi cinquanta anni. Dalla scelta referendaria del dopoguerra alla stagione di Tangentopoli, l'impianto politico-istituzionale ha sofferto di criticità croniche: il sistema Paese si è avvitato su se stesso, in un clima di precarietà e galleggiamento, retrivo a opporre una risposta efficace alla flebile crescita economica e all'espansione smisurata del debito pubblico, risultando succube di un regime fiscale vessatorio e di un regionalismo differenziato disorganico, in un contesto di instabilità perdurante.

Francesco Catellani