Resistenza Ma gli sfiduciati puntano i piedi: non molliamo

Il governatore Lombardo aveva chiesto loro di presentare le dimissioni entro le 14 di ieri, e aveva anche detto che sei avevano aderito al suo invito. Ma gli assessori in quota Udc e quelli del Pdl non hanno alcuna intenzione di mollare spontaneamente. E attendono che sia il governatore a revocare gli incarichi. «Noi dell’Udc – sottolinea l’assessore all’Industria Pippo Gianni – siamo al nostro posto, e non credo che altri assessori della giunta si siano dimessi dopo le dichiarazioni del presidente». Resistenze anche dal fronte Pdl, sia per gli ex Forza Italia sia per gli ex di An. L’attività corrente comunque non si bloccherà, a prescindere dalle dimissioni. Il rischio che venissero bloccati gli stipendi dei dipendenti è stato scongiurato.