Restituiamo l’anima alla nostra Sopraelevata

Lo dichiaro subito: sono innamorata della sopraelevata. Quando la percorro, arrivando dall'aeroporto, impiego soltanto cinque minuti ad arrivare a casa, ma è come se facessi un lungo viaggio attraverso il tempo, dove il passato ed il futuro di Genova si intrecciano in un abbraccio stupefacente! A destra il porto commerciale, le navi... che ti sembra di poter toccare con la punta delle dita, e poi il porto vecchio, le decine gli alberi delle barche a vela che svettano fieri, i magazzini del cotone, e, sullo sfondo, la collina di Carignano, la basilica dell'Alessi... e i grattacieli che ricordano alla «Superba», ora un po' addormentata, che è ancora possibile proiettarsi da leader nel futuro, sia nel campo imprenditoriale, che turistico. Ma (...)