Con la «rete» di Star Alliance 1500 voli da e per l'Italia

La strategie dell'alleanza di cui fa parte Lufthansa prevede un ruolo sempre più importante dell'Italia: 150 collegamenti in più con l'orario estivo

L'alleanza tra compagnia aeree Star Alliance continua nella propria strategia di crescita in Italia e potenzia ulteriormente la propria offerta: con il nuovo orario estivo 2009 l'alleanza aggiunge, rispetto alla stessa stagionalità del 2008, 150 nuove frequenze settimanali da e verso l'Italia portando così il numero complessivo a 1.500. Grazie ai suoi 250 voli giornalieri Star Alliance serve direttamente 16 aeroporti italiani con collegamenti verso 912 destinazioni in 159 Paesi nel mondo. «A conferma della forte presenza dell'alleanza nel Nord Italia - informa una nota di Star Alliance - più della metà delle frequenze sono operate da Milano e Venezia, aeroporti collegati quotidianamente con 27 città europee e italiane e 4 intercontinentali. Oltre un quarto delle frequenze sono invece operate da Roma che è collegata con 17 città europee e 7 hub intercontinentali». «L'ingresso di Egyptair - ha sottolineato Patrick Trancu, portavoce dell'alleanza - ci permette non solo di offrire voli verso l'Egitto, ma di estendere la nostra rete di destinazioni servite in Africa e in Medio Oriente. Rete che andrà ad arricchirsi ulteriormente nei prossimi mesi con l'ingresso in Star Alliance di Air India, Brussels Airlines, Continental Airlines e Tam».
Fondata nel 1997 Star Alliance opera oltre 16.500 voli giornalieri verso 912 destinazioni in 159 paesi. Sono 21 le compagnie aeree che ne fanno parte sono: Air Canada, Air China, Air New Zealand, Ana, Asiana Airlines, Austrian Airlines, bmi, Egyptair, LOT Polish Airlines, Lufthansa, Scandinavian Airlines, Shangai Airlines, Singapore Airlines, South African Airways, Spanair, Swiss, Tap Portugal, Turkish Airlines, Thai, United e US Airways. Nel corso dei prossimi mesi faranno il loro ingresso in Star Alliance Air India, Brussels Airlines, Continental Airlines e Tam.