Reti per energia, Tlc e rilancio del Sud

Il capitolo infrastrutture è uno dei pilastri della manovra triennale. Il decreto istituisce un Fondo per il finanziamento di interventi di potenziamento della rete infrastrutturale nazionale, comprese le reti di telecomunicazioni e quelle energetiche. È stata inoltre abrogata la revoca delle concessioni per l’Alta velocità ferroviaria con i general contractor nelle tratte tra Milano e Venezia. L’85% delle risorse del Fas (Fondo aree sottoutilizzate) e del Pon (Piano operativo nazionale) dovranno inoltre essere destinate alle regioni del Mezzogiorno. Decine di miliardi di euro disponibili per il rilancio del Sud. Impresa alla quale si dedicherà anche la Banca del Mezzogiorno, voluta dal ministro Tremonti che per far ripartire il progetto ha stanziato 5 milioni.