Retroattivo lo sconto Irpef sulle opere salva energia

Un emendamento dei relatori Maurizio Bernardo e Massimo Corsaro al decreto anticrisi ha eliminato la retroattività che metteva a rischio il godimento dello sconto fiscale sull’Irpef sul 55% delle spese effettuate per le ristrutturazioni. Viene infatti previsto che, per i costi sostenuti a partire dal primo gennaio 2009 la detrazione sia ripartita in cinque rate annuali. In questo modo si cambia l’impostazione del decreto che fissava un tetto massimo agli sconti: 185 milioni di euro nel 2009 per il 2010 e 314 nel 2010 per il 2011. Ora la detrazione è disponibile per tutti i richiedenti, ma ripartita in cinque rate annuali anziché in tre.
L’emendamento ha messo d’accordo maggioranza è opposizione. «È molto importante che sia stata confermata la norma sulle detrazioni Irpef del 55% sulle spese sostenute per le ristrutturazioni volte al risparmio energetico perché consente risparmi ai cittadini e dà opportunità di lavoro alle imprese», ha dichiarato il capogruppo del Pd in commissione Ambiente, Raffaella Mariani secondo cui i democratici possono dirsi «soddisfatti del risultato ottenuto».