Retromarcia Ranieri «Mi chiesero l’Uefa»

Torino. Sorpresa in casa Juve. Ora che si affaccia lo spettro del quinto posto, che significherebbe l’addio alla Champions, Claudio Ranieri rivela che «a giugno la società mi spiegò che l’importante era riportare la Juve in Europa, anche attraverso la coppa Uefa. La Champions sarebbe stata un qualcosa di magnifico ed è lì che noi vogliamo arrivare: intendiamo migliorare tutti insieme l’obiettivo minimo fissato. Non avrebbe senso rovinare adesso quanto di buono è già stato fatto». Insomma, l’onda lunga del ko contro la Fiorentina non è ancora finita: in settimana Ranieri è stato confermato da Blanc e Cobolli Gigli («anche se il quarto posto dovesse sfumare») e ora se ne comprendono i motivi. «Per il tipo di rapporto che mi lega a questi dirigenti, non c’era bisogno che dicessero nulla», ha aggiunto il tecnico. Stasera a Genova possibile l’utilizzo del tridente per ovviare all’assenza dello squalificato Nedved: in alternativa, Palladino sarebbe confermato come esterno sinistro di centrocampo.