Reygadas: un adulterio molto noioso

Fra i film da festival, quelli di Carlos Reygadas sono temuti per lunghezza/lentezza. Battaglia in cielo, in concorso nel 2006, fece scandalo per sesso esplicito. Non lo fa Stellet Licht (Luce silenziosa), in concorso ieri a Cannes, sebbene uno scandalo sessuale racconti. Si comincia con un'alba filmata in tempo reale, seguita da un silenzio di cinque minuti, che segue la preghiera d'una famiglia mennonita in Messico. Neerlandofoni, anabattisti, immigrati dal Canada dopo la I guerra mondiale, sono una setta che rifiuta la modernità e che prende l'adulterio sul serio. Così il capofamiglia (Cornelio Wall Fehr) va in crisi per essersi innamorato non della moglie (Miriam Toews), che muore. Ma il bacio della rivale (Maria Pankratz) la resuscita... Il tutto fra belle inquadrature agrarie e a-tecnologiche.