Reykjavik, il sindaco va al gay pride: padre di 5 figli, si traveste da donna

Il nuovo sindaco di
Reykjavik, il comico Jon Gnarr, ha partecipato al gay pride
nella capitale islandese travestito da donna

Reykjavik - Il nuovo sindaco di Reykjavik, il comico Jon Gnarr, ha partecipato al gay pride nella capitale islandese travestito da donna, con tanto di rossetto, parrucca bionda e borsetta al braccio. Lo hanno comunicato gli organizzatori della manifestazione che si è aperta ieri sera.

La carriera politica Padre di cinque figli, Gnarr, 43 anni, è stato eletto primo cittadino all’inizio di giugno dopo avere fondato la neo formazione politica dal nome "Il miglior partito", che ha candidato attori, musicisti, casalinghe e personaggi dello spettacolo. La sua vittoria alle elezioni è stata accolta da uno stupore generale. In campagna elettorale Gnarr aveva promesso di volere diventare "prima di tutto un sindaco divertente", ma aveva anche criticato le connessioni tra alcuni politici e i banchieri responsabili della colossale crisi economica nell’autunno del 2008.

Premier omosessuale Nel febbraio del 2009 l’Islanda è diventato il primo Paese ad avere un capo politico apertamente omosessuale con la primo ministro Johanna Sigurdardottir. Il Parlamento islandese a metà giugno ha legalizzato il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Apertasi ieri sera, la manifestazione del Gay Pride nell’isola durerà fino a domenica. Sabato è prevista una sfilata per le strade di Reykjavik.