In rialzo costruzioni ed energia

Vendite sostenute su Coin e Snai

Piazza Affari chiude la seduta in leggero rialzo, in linea con le altre Borse europee. Il Mibtel ha chiuso a +0,53%, l’S&P Mib a +0,47%, l’All Star a +0,80%.
Acquisti sostenuti per i titoli del settore costruzioni con Impregilo (+1,9%), Buzzi Unicem (+1,7%) e Italcementi (+1,6%). Bene anche A2A (+2,9%), Seat (+2,6%) e Fiat (+2,4%). Forti acquisti anche su Piaggio (+7,8%) e Astaldi (+5,6&). Denaro, infine, anche sui petroliferi, in particolare Eni (+1,89% a 23,14 euro), e Saipem (+1,45% a 26,62 euro), sulla scia del nuovo rialzo del greggio.
Ancora una giornata nera, invece, per Telecom Italia (-1,1%), scesa nell’intraday a quota 1,765 euro, un livello che non vedeva da ottobre 2002, nonostante le rassicurazioni fornite lunedì dall’amministratore delegato Franco Bernabè sullo stato di salute finanziario del gruppo. Vendite sostenute su Coin (-5%) e Snai (-4%). Segno meno anche per Atlantia (-1,4% a 22,53 euro), a causa di un ulteriore allungamento dei tempi per l’ok alla convenzione autostradale. Tutti, o quasi, in positivo gli indici delle principali Borse europee: Londra +0,34%, Parigi +0,49%, Francoforte +0,50%, Amsterdam +0,93% e Stoccolma +0,55% Fanno eccezione Madrid e Zurigo, entrambe a meno 0,32%.
Bene, sulla piazza di Parigi, Air France (+3,21%), sotto pressione invece i telefonici con France Télécom (-2,24%) e Vodafone (-2,24%). Contrastata in tutta Europa la grande distribuzione con Kingfisher (+3,88% a Londra) e Metro (-2,53% a Francoforte). Rialzi, invece, in campo automobilistico per Renault (+2,2%), Peugeot (+2,16%) e Bmw (+1,28%), seguite da Porsche e Daimler (+0,98% per entrambe).