Riapre il più celebre museo cinese del mondo

Paragonato per importanza a istituzioni come il Louvre, il Prado, il Metropolitan, il National Palace Museum di Taipei, che ospita la collezione di arte cinese più famosa del mondo, riapre i battenti completamente rinnovato, dopo quattro anni di chiusura. Il museo era noto in passato per aver difeso le più belle opere d’arte del millennio imperiale dai potenziali attacchi comunisti con la conservazione delle porcellane in vetrine fatiscenti e di preziosi dipinti in umide spelonche. Ora, tutto è cambiato: aria condizionata, caveau climatizzati, display elettronici, didascalie multilingue. Bandite le statue commemorative di Chang Kai-Shek e Sun Yat-Sen, il museo ha sfoderato a partire da Natale - anche se la riapertura ufficiale è prevista per l’8 febbraio - i grandi capolavori delle dinastie Sung (960-1279).Una nota: alcuni pezzi sono talmente fragili che rimarranno in mostra solo per un mese, per poi tornare a riposare nei caveau per almeno tre anni.