Riapre il Senato, la mensa resta low cost

Il Senato ha riaperto i battenti, causa crisi e manovra, e tutto è rimasto come era stato lasciato. Compreso il menù. Da quando la carta del ristorante è stata pubblicata su internet ed è venuto alla luce che i parlamentari mangiano prelibatezze a prezzi stracciati, il listino prezzi di Palazzo Madama è finito sotto la lente di ingrandimento dell’opinione pubblica. Regina dello scandalo, l’ormai famosa spigola offerta a poco più di tre euro a porzione; ma in generale tutto il menù, nel suo complesso, ha fatto infuriare i cittadini. Non è quindi passato inosservato che in Senato anche oggi si continua a mangiare a prezzi low cost. Ma proprio il ieri il presidente di Palazzo Madama, Renato Schifani, ha sollecitato il collegio dei questori a dare immediata esecuzione all’ordine del giorno che prevede la revisione dei prezzi. All’insù, naturalmente...