Riassetto nel gruppo Ligresti FonSai «rastrella» gli immobili

Offerta pubblica in contanti e azioni su Immobiliare Lombarda, che lascerà il listino

da Milano

Riassetto nel gruppo Ligresti. Fondiaria-Sai lancerà un’Opas sull’intero capitale di Immobiliare lombarda (di cui già detiene il 50,1%), che sarà ritirata dal listino. L’operazione sarà regolata parte in contanti e parte in azioni della controllata Milano assicurazioni; alla fine, Immobiliare lombarda sarà controllata per il 50,1% da FonSai e per il 49,9% da Milano assicurazioni. Con il suo patrimonio immobiliare (circa 1 miliardo di euro) andrà a rafforzare le riserve tecniche delle due compagnie assicurative. L’operazione è stata concepita soprattutto per far partecipare FonSai e Milano (entrambe guidate da Fausto Marchionni) ai vantaggi del delisting di Immobiliare lombarda, che ha una sua ragione di natura industriale: le strategie e i ritorni dell’edilizia sono tipicamente a medio termine, mentre a una società quotata in Borsa sono richiesti - dagli analisti e dal mercato - risultati a breve. Il vertice della società (di cui è presidente Paolo Ligresti e ad Antonio Talarico) ne ha avuto prova alla presentazione del piano industriale: il fatto che operazioni, pur di alto profilo, come la Città della Moda e City Life (entrambe a Milano), prevedano ritorni al 2010-2011, non aveva riscosso reazioni favorevoli. In più, senza i vincoli imposti dalla Borsa, viene notevolmente semplificata la gestione della società. L’operazione è stata influenzata anche dalle basse quotazioni toccate da Immobiliare lombarda, che martedì a Piazza Affari capitalizzava 486 milioni, circa la metà del valore dei suoi immobili.
Parallelamente, due compagnie assicurative, Sasa e Liguria, acquistate da FonSai negli ultimi anni, vengono spostate sotto il cappello della Milano, alla quale già appartengono altri marchi tra i quali Previdente e Italia; Milano diventa dunque il gruppo «multibrand» di FonSai, con elevati livelli di sinergie e di economie di scala.
Nel dettaglio, l’Opas totalitaria ha per oggetto il 38,7% del capitale di Immobiliare lombarda (circa 1,6 miliardi di azioni) e restano escluse sia le azioni già detenute direttamente da FonSai (poco più di 2 miliardi) sia quelle detenute dalla controllata Milano assicurazioni (457,7 milioni). Per ogni 46 azioni Immobiliare lombarda consegnate, verrà riconosciuto un corrispettivo in denaro di 1,752 euro e 1 azione ordinaria Milano assicurazioni per una valorizzazione unitaria delle azioni della compagnia immobiliare di 0,145 euro, con un premio del 22,36% rispetto alla chiusura ufficiale di ieri. Esborso massimo in contanti, 230 milioni. Il titolo Immobiliare lombarda, dopo una sospensione e uno strappo, ha chiuso a 1,138 (più 7,45%); FonSai meno 4,25%, Milano meno 10,9%.