«Ribadisco il sì alle Olimpiadi»

Tokio. Il Dalai Lama è favorevole allo svolgimento dei giochi olimpici a Pechino e assicura di non avere alcuno spirito anticinese, ma i tibetani hanno diritto a protestare pacificamente. Durante una breve sosta a Tokyo sulla via di una visita negli Stati Uniti, il leader dei tibetani in esilio ribadisce di aver supportato l’ipotesi di assegnare i giochi olimpici alla Cina «fin dal primo istante», al punto da dirsi pronto a partecipare alla cerimonia inaugurale di Pechino 2008. In una conferenza stampa tenuta in un hotel vicino a Tokyo, il leader buddhista afferma di essere rattristato dalla «demonizzazione del governo cinese nei miei confronti. Sono un essere umano, non un demone».